Aggiunto al carrello
Aggiunto al carrello
Vai al carrello

SISTEMI ANTIFUOCO TESTATI PER RESISTERE AI MOVIMENTI

I nostri sistemi di protezione antincendio presentano numerose approvazioni secondo le più recenti norme

Test sui sistemi antifuoco per resistere ai movimenti

I terremoti causano danni gravissimi agli edifici. Inoltre, il rischio di incendi è estremamente frequente dopo un terremoto ed è spesso causato da impianti elettrici o meccanici danneggiati. 

Per questa criticità, abbiamo condotto approfondite verifiche secondo i più recenti standard del settore. Abbiamo a disposizione soluzioni approvate e testate per assecondare e resistere ai movimenti generati da eventi sismici. 

Il nostro impegno principale è salvare vite, proteggere i beni materiali e migliorare le prestazioni dell’edificio.

Effetti del movimento in un edificio

Di solito sentiamo parlare dei terremoti solo quando causano danni devastanti, ma in realtà se ne verificano ogni giorno in tutto il mondo. Inoltre, l’evento sismico è solo una delle tante fonti di movimento che interessano un edificio, ma non si devono trascurare anche le vibrazioni degli impianti, l’espansione delle tubazioni e i colpi d’ariete.

I movimenti possono danneggiare le tubazioni del gas, gli impianti elettrici, o impedire l’azionamento degli impianti sprinkler a causa  di danni alle tubazioni. In questo frangente l’incolumità delle persone all’interno degli edifici è affidata in gran parte ai sistemi di protezione passiva, e quindi alle compartimentazioni.

I costi maggiori di riparazione dopo un terremoto

L’importanza delle soluzioni antincendio come sistema non strutturale

In passato i progettisti si concentravano solo sulla progettazione di elementi strutturali in grado di impedire il crollo dell’edificio.

Ora la tendenza è cambiata e si inizia a prestare attenzione anche agli elementi non strutturali. Di seguito alcuni dati importanti:

  • È essenziale garantire il funzionamento ininterrotto di servizi come l’erogazione di acqua ed energia elettrica servizi di emergenza protezione antincendio passiva (compartimentazioni) e attiva (impianti sprinkler).
  • Le ricerche hanno dimostrato che l’investimento in componenti non strutturali è pari al 50-70% dell’investimento complessivo in un edificio.
  • Non solo: le norme edilizie si stanno orientando verso requisiti più stringenti per gli elementi non strutturali, in particolare la bozza delle nuove NTC definisce che per gli elementi non strutturali e impiantistici devono essere verificati agli SLU o SLV dipendentemente dalla classe d’uso e accelerazione al suolo.

Capacità di movimento dei sistemi antincendio

Man mano che le norme edilizie diventano più rigide, le aziende del settore devono offrire sistemi antincendio testati secondo norme riconosciute in tutto il mondo, come EN o ASTM.

Le norme che definiscono le prove sono in costante evoluzione. 

Ad esempio, la norma ASTM E-3037, pubblicata nel novembre 2016, contiene le linee guida per eseguire prove volte a valutare la capacità di movimento di prodotti per la penetrazione passante, come compartimentazioni per tubazioni e cavi. I prodotti Hilti sono sottoposti a test ciclici bidirezionali, successivi alla prova antincendio. I risultati vengono quindi classificati come A, B o C, dove A indica la prestazione migliore in termini di movimento in una data direzione.

Prove di movimento con mattoni antifuoco

Prove di movimento in direzione perpendicolare

Prove di movimento in direzione parallela

Prove di movimento in direzione parallela

Abbiamo testato i nostri principali prodotti, dal mastice CFS-FIL ai componenti ingegnerizzati, come i mattoni CFS-BL o lo sleeve antifuoco CFS-SL. Tutti i prodotti hanno evidenziato risultati soddisfacenti e in generale i dispositivi preformati ed ingegnerizzati hanno dato risultati eccellenti rispetto ai sistemi antifuoco tradizionali, dove la capacità di movimento è stata testata secondo la norma ASTM E1399.

Questi test sono stati accreditati da società esterne indipendenti, come Underwriters Laboratories (UL), nei cui elenchi sono specificate le capacità di movimento di ognuno dei sistemi.

Ci impegniamo a migliorare continuamente la sicurezza degli edifici per le persone che li occupano, sviluppando e testando i nostri sistemi antifuoco secondo le più recenti norme del settore.

Condividi

Contattaci
Contattaci